Silver Skiff 2009

Grandi numeri per la XVIII edizione della Silver e Kinder Skiff: oltre 250 partecipanti alla Kinder e oltre 520 alla Silver, record assoluto per la manifestazione.

Doppietta Cerea alla Kinder Skiff: Luca Lovisolo e Vittorio Serralunga hanno firmato la prima e seconda posizione nel tempo di 16’51 e 17’07.
In campo femminile Valentina Rodini (Bissolati) ha preceduto Chiara Ondoli (De Bastiani Angera) e Sara Barderi (Canottieri Pontedera) concludendo la sua fatica in 18’48’’.

Mahe Drysdale ed Emma Twigg firmano la 18° edizione del Silver Skiff, che ormai fa stabilmente parte del calendario internazionale di molte stelle del remo.
Sotto una leggera ma incessante pioggia, a Torino i due vogatori neozelandesi vincono con pieno merito rifilando pesanti distacchi ai loro avversari e chiudendo rispettivamente con i tempi di 40’44 e 44’09.

Per Drysdale, campione mondiale dal 2005 in singolo e bronzo alle Olimpiadi di Pechino, è la quarta vittoria: resiste il suo record, 40’18 nel 2007, ma è una prova davvero brillante con 38 secondi di vantaggio sul connazionale Nathan Cohen e un minuto e 5 secondi sull’americano Sivigny. Quarto classificato e primo degli italiani il pontederese delle Fiamme Oro Lorenzo Bertini: nei primi dieci ci sono anche Francesco Rigon (Sile), sesto, Franco Sancassani (Marina Militare), ottavo, ed Elia Luini (Aniene), decimo.

Tra le donne, alla sua prima partecipazione, la Twigg vince il duello con la russa Yulia Levina, lontana
un minuto e 13 secondi, e l’americana Joyce Gay: per trovare la prima italiana bisogna risalire all’undicesimo posto occupato dalla torinese Elisabetta Brugo che detiene sempre la migliore prestazione del Silver Skiff (43’11 nel 2001).

Vittoria per Francesco Rigon tra i pesi leggeri in 42’23: l’atleta della Sile conquista la vittoria davanti allo statunitense Winter ed a Franco Sancassani (Marina Militare).
Tra gli Under 23 successo per Federico Ustolin (Saturnia), bravo nel far segnare il tempo di 43’01: secondo lo svizzero Schmid e terzo Tommaso Sacchini (Pontedera).
Parla svizzero anche il vincitore nella categoria Junior A: è Stahlberg il migliore davanti al tedesco campione del mondo Overlack e Michele Manzoli (Baldesio).
Dominio incontrastato per Francesco Pegoraro (Sisport Fiat) in 43’45: buonissima seconda piazza per Alessandro Padoa (Tevere Remo) su Lorenzo Baldini (Pullino).

Due italiane su tre nel podio dell’under 23 femminile: alla svizzera Hauser seguono Sara Bertolasi (Varese) e Gaia Palma (Sisport Fiat) mentre tra le vogatrici pesi leggeri passa all’incasso la statunitense Burke.
Sempre torinese e sempre Sisport Fiat, è la vincitrice della gara Junior A: Laura Basadonna batte le svizzere Burkard e Cron.
Paola Gelpi (Lezzeno), Ludovica Lucidi (Tevere Remo) e Arianna Ragnoli (D’Annunzio): ecco le prime tre classificate tra le Junior B.

Tanto entusiasmo nelle categorie Master, tanti i vincitori che nel corso delle premiazioni sono stati festeggiati dal presidente della Canottieri Cerea Umberto Dentis, dal presidente federale Enrico Gandola, dal suo vice Stefano Comellini, dai consiglieri Sergio Morana e Giovanni Calabrese e dal presidente del Comitato Piemonte Stefano Mossino.
Tra i maschi, miglior tempo assoluto per lo svizzero Torsten Maas (Master A) seguito da Vittorio Altobelli (Master B), mentre tra le donne nettissimo predominio per Elisabetta Brugo (Master B).

Ancora una volta è stata una bellissima festa del canottaggio; sotto un’incessante pioggia tutto ha fuzionnato alla perfezione e l’organizzazione della Cerea si è dimostrata precisa e efficiente. Encomiabile il lavoro svolto dal nutrito gruppo di volontari, composto dai soci della Cerea, che si sono prodigati per accogliere al meglio i tantissimi appassionati giunti sino a Torino.

Moltissimi i complienti ricevuti da parte sia dei campioni che dei tantissimi master, anche stranieri, che hanno animato questa XVIII edizione

(Comunicato stampa FIC)

Pubblicato in Eventi, Regate, Tutte le notizie