Lovisolo oro a Minsk in 4- juniores

Luca Lovisolo oro a Minsk nel 4- Juniores. Forza Luca e forza Canottieri Cerea.
Complimenti a Luca e agli allenatori per l’ottimo risultato. Il prossimo appuntamento è per Guido Gravina a Siviglia.

QUATTRO SENZA: 1. Italia Lorenzo Pietra Caprina (SC Firenze), Giovanni Abagnale (CN Stabia), Luca Lovisolo (RSC Cerea), Alberto Di Seyssel (SC Armida) 05.58.789.

(da www.canottaggio.org)

MINSK, 26 maggio 2013 – Sette medaglie (2 d’oro: quattro senza e quattro con maschile; 4 d’argento: quattro di coppia maschile, due senza, quattro di coppia e otto femminile; 1 di bronzo: quattro senza femminile), 11 equipaggi in finale, tre quarti posti, rispettivamente nel due senza e nell’otto maschile e nel doppio femminile, e un quinto (nel singolo): questo il bottino dell’Italia agli Europei Junior che si sono svolti a Minsk (Bielorussia). Un bottino che ha portato la nazionale italiana al secondo posto del medagliere per nazioni con la Romania leader della classifica.

I due ori sono arrivati dal quattro con di Davide Gerosa (SC Lario), Jacopo Mancini (SC Firenze), Niccolò Pagani (Tevere Remo), Alessandro Piffaretti (SC Moltrasio), Enrico D’Aniello-timoniere (CN Stabia), al termine di un esaltante testa a testa risolto solo al fotofinish sulla Romania, e dal quattro senza di Lorenzo Pietra Caprina (SC Firenze), Giovanni Abagnale (CN Stabia), Luca Lovisolo (RSC Cerea), Alberto Di Seyssel (SC Armida), che è riuscito a prevalere al termine di un duro confronto con l’armo rumeno che ha tentato per tutti i 2000 metri di insidiare la barca azzurra. Anche quest’anno quindi, con due equipaggi profondamente rinnovati, l’Italia si conferma al vertice continentale delle specialità, dopo l’argento (quattro con) e l’oro (quattro senza) conquistati nell’edizione 2012 di Bled.

Medaglia d’argento per il quattro di coppia di Andrea Guanziroli (SC Lario), Andrea Crippa (SC Lecco), Stefano Morganti (SC Tremezzina), Riccardo Coan (SC Lario), che per tutto il percorso ha inseguito i battistrada della Romania, mancando l’oro alla fine per soli 77 centesimi. I rumeni si sono così presi la rivincita sugli azzurri che lo scorso anno li avevano sconfitti.

Le altre medaglie d’argento sono arrivate dalle donne: dal due senza di Serena Lo Bue (SC Palermo) e Federica Cesarini (Canottieri Gavirate), che a poche ore di distanza hanno poi replicato il risultato nell’ottorosa – la Cesarini col ruolo di timoniere che per una vogatrice è inusuale –; dal quattro di coppia di Valentina Rodini (SC Bissolati), Stefania Gobbi (SC Padova), Chiara Ondoli (De Bastiani), Arianna Mazzoni (SC Viareggio), brave mantenere la posizione contenendo tutti i tentativi di rientro della Repubblica Ceca; e dall’otto, che ha confermato il risultato dello scorso anno, con una formazione composta, oltre che da Lo Bue e Cesarini, da Lucrezia Fossi (SC Firenze), Giulia Campioni (SC San Miniato), Sara Barderi, (SC Pontedera), Silvia Terrazzi (SC Arno), Sandra Celoni (GS Cavallini), Ilaria Broggini (SC Corgeno) e Veronica Calabrese (Can. Gavirate). Terrazzi, Celoni, Broggini e Calabrese prima di salire sul podio dell’otto avevano già vinto la medaglia di bronzo nel quattro senza.

Un Campionato Europeo che, oltre ad aver confermato che l’Italia ha un grande vivaio giovanile e una buona scuola remiera molto attiva nelle Società, equivale anche ad un primo test importante per i caposettore Claudio Romagnoli (donne) e Antonio Colamonici (uomini) in vista del Mondiale junior che si svolgerà a Trakai (Lituania) dal 7 all’11 agosto.

Nelle immagini: il quattro con festeggia dopo la conquista dell’oro; la gioia del quattro senza sul podio di Minsk; il quattro di coppia; il due senza Cesarini-Lo Bue; il quattro di coppia femminile; l’ottorosa; il quattro senza femminile.

Pubblicato in Agonismo, Avvisi, Sport, Tutte le notizie